Presentazione del libro “Giordano Bruno nella cultura mediterranea e siciliana dal ’600 al nostro tempo” a cura di Alessandro Musco e Alberto Samonà (Palermo, 24 Novembre 2010, ore 17)

Associazione Alessandro Tasca Filangeri di Cutò
via Mariano Stabile, 70
mercoledì 24 novembre 2010   17:00

“Giordano Bruno nella cultura mediterranea e siciliana dal ’600 al nostro tempo”
ore 17,00 – presentazione a cura di Alessandro Musco e Alberto Samonà

– Introduce Enzo Li Mandri, presidente dell’Associazione Alessandro Tasca
Interventi:
– Prof. Alessandro Musco, presidente dell’Officina di Studi Medievali
Alberto Samonà, giornalista, curatore del libro


Un contributo in più alla conoscenza del pensiero di Giordano Bruno e un interessante spunto per ricercare i collegamenti tra la filosofia del frate nolano e la cultura e il pensiero filosofico dell’Italia del Sud. Sono questi alcuni degli spunti offerti dal libro Giordano Bruno nella cultura mediterranea e siciliana dal ’600 al nostro tempo, curato dal giornalista Alberto Samonà e pubblicato, con la collaborazione della Fondazione Banco di Sicilia, nella collana Machina Philosophorum dell’Officina di Studi Medievali, diretta dal professore Alessandro Musco.

Il volume, partendo dalle riflessioni emerse durante la Giornata nazionale di studi su Giordano Bruno, tenuta a Palermo, raccoglie diversi contributi di filosofi e storici italiani, a confronto sulla filosofia bruniana. Dopo una presentazione di Gianni Puglisi e la premessa del curatore, gli autori Francesco Maria Cardarelli («Un Bruno restituito davvero a se stesso»), Anna Foa (La memoria di Giordano Bruno e l’Italia), Sandro Mancini (Immanenza e trascendenza nella filosofia bruniana: Spaventa, Gentile, Renda), Aniello Montano (Croce lettore di Giordano Bruno) e Alessandro Musco (Arabeschi mediterranei e frattali bruniani), toccano gli aspetti più interessanti ed attuali della tradizione culturale e storiografica mediterranea e del sud d’Italia che rimanda a Giordano Bruno ed ai suoi testi. Una tradizione che, troppo spesso, viene trascurata o del tutto dimenticata, senza alcuna valida o riconoscibile ragione scientifica.
Seguono due appendici: la prima raccoglie lo scritto di Gaspare Licandro su La macchina della memoria di Giordano Bruno, originale contributo alla mnemotecnica bruniana, e la seconda, a cura di Alberto Samonà, riproduce il testo teatrale dello spettacolo dal titolo Una fiamma a Campo de’ Fiori, curato e diretto dallo stesso autore.

Fonte:
Associazione Alessandro Tasca Filangeri di Cutò


Accreditato da CS-Comunicati Stampa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: