«Galileo Galilei e quel testo che sconvolse il mondo»

Si è concluso con un “racconto” tutto dedicato a Galileo Galilei, “Codice Armonico”, il congresso di scienze naturali organizzato al Pasquini dall’associazione Amici della Natura di Rosignano e dal Museo di storia naturale. E non a caso la relazione di sabato è stata dedicata dal fisico Elvezio Montesarchio, che da alcuni anni vive a Rosignano, al grande scienziato toscano: «Il 13 marzo del 1610 – spiega il professore – Galileo Galilei pubblicò 550 copie del “Sidereus Nuncius”, il testo che ha segnato una nuova alba per l’umanità e che sconvolse il mondo». Lo scienziato vide, attraverso il “cannone-occhiale” ossia il cannocchiale da lui inventato, che la Terra non era fissa al centro dello spazio ma, come gli altri corpi celesti, si muoveva. «Sino ad allora la visione tramandata dalla cultura aristotelica-tolemaica vedeva la terra al centro dell’Universo; terra quale luogo della corruzione in contrapposizione con l’Universo incorruttibile, con le sue sfere celesti perfette, che si muovono in maniera concentrica».

Attraverso il suo racconto e grazie ad alcuni brani come la sentenza di morte di Giordano Bruno del Sant’Uffizio recitati, Montesarchio è riuscito a tenere in apnea la platea ipnotizzata dal fascino di quelle scoperte collocate in un ben preciso periodo storico, filosofico ed artistico. «Fin da ragazzo – ci ha detto il fisico che attraverso gli studi e il liceo classico ha coltivato la passione per la storia e l’arte – sono rimasto colpito dalla figura di Galileo. Da qui sono iniziate le ricerche che mi hanno portato a scoprire altri lati dello scienziato-matematico, come l’arte che lui aveva nello scrivere». E proprio attraverso gli appunti e i disegni di Galileo, è iniziato il racconto che ha catapultato gli ascoltatori in un’atmosfera di 400 anni fa, nel periodo della Controriforma, del Sant’uffizio che mise all’indice i libri giudicati proibiti, dei rapporti tra Galileo e Keplero che in risposta ad una sua lettera scrive la famosa frase “Galileo hai vinto”, fino ad arrivare al 1633, al tempio di Minerva in Roma, dove il grande scienziato fu costretto ad “abiurare” per avere salva la vita. Agli arresti domiciliari scrisse “Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze” che fu pubblicato solo in Olanda quando ormai Galileo era cieco. Poi la morte avvenuta l’8 gennaio del 1642, «con una particolarità – ricorda Montesarchio – l’anno in cui morì Galileo nacque Isaac Newton».

Fonte: lavaldicecina.net

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: